Come molti sanno, l'ISTAT ha deciso di riorganizzare profondamente la propria struttura interna. A seguito di tale riorganizzazione alcune delle figure cardine nel campo delle statistiche sociali dell'Istat, a partire da Linda Laura Sabbadini ma non solo lei, sono state escluse dalle nomine per le nuove posizioni apicali.

In questi anni l'area delle statistiche sociali dell'Istat, oltre alla collaborazione diretta tramite alcune di queste figure con Espanet Italia, ha aumentato molto la produzione di dati ed informazioni nel campo del sociale e del welfare: grazie a tutto ciò molti di noi sono in grado di avere un'idea più precisa di quanto sta accadendo nel nostro paese, così come hanno potuto ampliare gli strumenti metodologici con cui fare ricerca.

Gli attuali cambiamenti destano preoccupazione.

In questa ottica condividiamo un articolo che Chiara Saraceno ha scritto su Repubblica sabato 2 aprile sul tema e rimandiamo ad un intervento sullo stesso argomento di Alessandra Casarico, Daniela Del Boca e Paola Profeta, apparso in questi giorni su LaVoce: http://www.lavoce.info/archives/40460/dati-e-talenti-da-non-sprecare/

"Da ieri pomeriggio l’ISTAT è al centro di una rivolta sui social media. Il casus belli è l’esclusione della attuale dirigente del Dipartimento delle statistiche sociali e ambientali, Linda Laura Sabbadini, dalle nuove nomine seguite alla riorganizzazione dell’Istituto. Si tratta della persona che negli anni ha di fatto lavorato di più e investito più intelligenza nella produzione di statistiche sociali, portando l’ISTAT dall’essere il fanalino di coda in Europa in questo settore ancora negli anni settanta ad una posizione di eccellenza a livello internazionale. È anche, ancora per pochi giorni, una delle poche donne in posizione apicale nell’ISTAT, oltre a godere della stima degli uffici statistici di mezzo mondo.  Se sappiamo come sta cambiando la famiglia, i rapporti tra le generazioni, i rapporti tra uomini e donne, come vivono gli anziani e i giovani, quali siano le forme che assume la violenza in famiglia e sulle donne, come si usa il tempo, chi abbia accesso ai consumi culturali e a quali tipi, quali siano le difficoltà che si frappongono alla scelta di fare un figlio e così via, lo dobbiamo alla sua iniziativa anche capacità imprenditiva. Non ha fatto tutto da sola, ovviamente; ma senza il suo intelligente attivismo l’ISTAT oggi sarebbe un po’ più povero e gli studiosi e policy makers con meno strumenti per comprendere la società italiana. Non stupisce quindi questa rivolta. Ma la mancata nomina di Sabbadini si inserisce nel contesto più complessivo della logica con cui sembrano essere state fatte le nomine, che rafforza i timori di chi temeva che la riorganizzazione dell’Istituto portasse ad un indebolimento delle statistiche sociali, nonostante le rassicurazioni offerte dal Presidente. Ricordo che la riforma comporta l’accorpamento in due dipartimenti dei quattro che fino ad oggi si sono occupati della produzione e raccolta dei dati. In uno – il dipartimento per la produzione statistica - confluiranno sia i settori che si occupano di statistiche economiche che quelli che si occupano di statistiche sociali e ambientali e i censimenti, mentre all’altro spetterà occuparsi degli aspetti metodologici relativi alla raccolta ed elaborazione dei dati.  Manca ancora la nomina del capo di questo secondo dipartimento, per cui è stato aperto un bando esterno. Ma tutte le altre figure apicali sono state individuate ieri. E qui sta la sorpresa. Mentre, se non vado errata, due su tre di coloro che occupavano le posizioni apicali riguardanti le statistiche economiche sono stati rinominati nello stesso settore, a partire dal capo di dipartimento, per quanto riguarda le statistiche sociali nessuno di coloro che ne hanno avuto responsabilità fino ad oggi è stato rinominato, in nessuna posizione (e uno solo ha avuto una nomina, ma per una direzione nell’altro dipartimento). Si dirà che si tratta di normale e doveroso avvicendamento, unito alla riduzione delle posizioni apicali disponibili. Ma come mai riguarda integralmente solo il settore delle statistiche sociali e proprio nella fase in cui questo perde la propria autonomia per essere accorpato con le statistiche economiche?  A prescindere dalla qualità delle persone che sono state nominate ora, questa asimmetria rischia di rappresentare un oggettivo indebolimento del settore. Inoltre, come mai solo i dirigenti del settore delle statistiche sociali sono stati tutti valutati immeritevoli di rimanere al loro posto? Qualsiasi sia la giustificazione formale, appare una squalifica pesante dell’intero settore, proprio quello più innovativo e dinamico, oltre che delle singole persone. Sono sicura che il Presidente respingerà indignato questi sospetti, ma, come diceva Andreotti, chi pensa male fa peccato, ma spesso ci piglia."

Chiara Saraceno

Dove trovi i volumi ODG Edizioni

contentmap_module

Attività 2018

incontri

Tesseramento OdG 2018

tesseramento2018Sito

Educhiamo alle differenze

banner8marzo

Donne di testa

BannerDonne di Testa

Novità ODG Edizioni

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume raccoglie le biografie delle donne votate nel contesto del progetto social #leviedelledonnemarchigiane promosso dall’Osservatorio di Genere e accolto dal Consiglio delle donne del Comune di Macerata al fine di recuperare la memoria di donne del passato protagoniste della società marchigiana e ad oggi proposte come meritevoli di intitolazioni di vie e spazi pubblici delle città delle Marche.   

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

L'e-book Gates No Frontiers è uno degli output del progetto Walls and Integration: Images of Europe building Wai, presentato dal Comune di Macerata nell'ambito del  programma Europa per i cittadini, approvato dalla Commissione Europea e finanziato con un importo di 100.000 euro (cod. progetto 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

L'e-book così come tutte le altre attività di WAI sono state finanziate e rese possibili dal programma europeo Europa per i cittadini.

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

Gates No Frontiers is one of the outputs of Walls and Integration: Images of Europe building (WAI), a project, presented by the Municipality of Macerata (Comune di Macerata) of within the Europe for Citizens Program and approved by the European Commission. It gained funding for one hundred thousand Euros (project code 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

The e-book collects the materials, the pictures and the results of the research for the travelling exhibit, "Gates no frontiers"!

This e-book, realized for the WAI project, are freely downloadable from the WAI website!

Di piu'...

Come avere i volumi delle ODG Edizioni?

Per contatti e informazioni: 

info@osservatoriodigenere.com

+39 347 8967936 - +39 349 3726757

 

Diventa socio dell'Osservatorio di Genere e tesserandoti potrai sostenere l'associazione con un contributo che potrai versare con

- Bonifico intestato a:

  • Osservatorio di Genere Banca Prossima
  • IBAN: IT55 G033 5901 6001 0000 0017 941
  • BIC: BCITITMX

 

- Paypal: odg@osservatoriodigenere.com o attraverso il modulo presente nel riquadro qui in basso, se ci si connette da pc o notebook, o in fondo alla pagina, se ci si connette con smartphone o altro dispositivo mobile, cliccando sul pulsante giallo "donazione"

 

- Direttamente nella sede dell'Osservatorio di Genere

via dei Velini 221 Macerata

dal lunedì al venerdì: ore 9.00-13.30

lunedì: 14.30-18.00

 

- Durante gli eventi pubblici dell'OdG 

Sostieni l'Osservatorio

Sostieni le attività dell'Osservatorio di Genere. In pochi passaggi sarà possibile effettuare la tua donazione, il tuo contributo al crowfunding o il versamento della quota associativa in modo del tutto sicuro. Per tesserarsi, compilare il modulo presente nella sezione aposita del sito.

Newsletter

Notizie dalla rete