Si è concluso l'8 maggio il webcontest  #scienziatemarchigiane,lanciato dall'Osservatorio di Genere in collaborazione con il gruppo de Le Nane Brune durante la presentazione del volume "#leviedelledonnemarchigiane. Non solo toponomastica", avvenuta l'8 marzo scorso e da cui il nuovo progetto web intendeva sviluppare una delle tematiche connesse, privilegiando la categoria di donne storicamente più sconosciuta e meno valorizzata: le scienziate.

Tramite l'hashtag #scienziatemarchigiane gli utenti del web sono stati invitati a segnalare il nome di una donna marchigiana che si è distinta nel campo delle scienze: chimiche, fisiche, mediche, astronome, astrofisiche, ingegnere, matematiche, biologhe... per valorizzare una categoria di donne da sempre ingiustamente poco valorizzata e rimediare alla scarsa visibilità delle donne nei settori scientifici.

L'assunto di fondo dell'iniziativa è stato che se non viene spontaneo fare nomi di donne pensando alla tecnologia, non è perché non ci siano ma perché il loro lavoro tende a restare sotterraneo.

I risultati, specialmente per l'ambito di indagine locale individuato, la regione Marche, sono stati scarsissimi e proprio da questa mancanza di dati estremamente significativa l'OdG e le Nane Brune vogliono ripartire, organizzando delle azioni mirate alla valorizzazione, alla diffusione e alla riscoperta dell'apporto femminile in campo scientifico.

 

Seminari, incontri, laboratori per adulti e bambini: dal mese di giugno e poi più intensamente da settembre, verranno proposti diversi approfondimenti che non mancheranno di far riflettere.

Per iniziare proponiamo nel nostro sito una primissima carrellata di scienziate marchigiane o comunque legate alla regione Marche, sia del passato, che del presente,delle quali finora è stato possibile trovare notizia (sia grazie alle segnalazioni del webcontest, sia tramite altre ricerche). L'idea è che rappresentino uno spunto per approfondire le loro figure, ma che spingano anche a rintracciarne di nuove.

#scienziatemarchigiane

 

non più viventi:

- Edmea Pirami, (biografia già presente nel volume "#leviedelledonnemarchigiane").  (Ascoli Piceno, 27 giugno 1899 – Bologna, 31 dicembre 1978) pediatra. Laureata in medicina con una tesi sulla celiachia, specializzata in pediatria, aprì due cliniche gratuite per bambini disabili.

- Laura Maria Caterina Bassi Veratti, più nota come Laura Bassi (Bologna, 29 ottobre 1711 – Bologna, 20 febbraio 1778), è stata una fisica italiana. Fu la seconda donna laureata d'Italia dopo la veneziana Elena Lucrezia Cornaro, la prima a intraprendere una carriera accademica e scientifica e la prima al mondo a ottenere una cattedra universitaria.  Dal 1766 cominciò a insegnare fisica sperimentale agli alunni del Collegio di Montalto delle Marche.

- Maria Montessori (1870-1952) (biografia già presente nel volume "#leviedelledonnemarchigiane").  Pedagogista ed educatrice italiana. (1870-1952) Pedagogista ed educatrice italiana. Fu la prima donna in Italia a conseguire la laurea in medicina.

- Agar Sorbatti, la prima donna ingegnere delle Marche (laureata nel 1923) e la settima del regno d’Italia. Loro Piceno.

 

Viventi:

- Francesca Faedi, nata a Fano, 40 anni. Ricercatrice di esopianeti per tanti anni in Irlanda. Rientrata da poco, è di nuovo in partenza per la volta di Cagliari per nuove ricerche astronomiche 

- Emanuela Palmerini, 30 anni, di Urbino, specialista in forme oncologiche dell’apparato locomotore. Sta coordinando uno studio di fase 3 sulla sinovite pigmentosa, all’istituto ortopedico Rizzoli di Bologna. Nel 2016 ha ricevuto il riconoscimento della Conquer Cancer Foundation dell’American society of clinical oncology (Asco) 

- Chiara Daraio. 39 anni, anconetana, laureata all'Università Politecnica delle Marche, professoressa di Aeronautica e fisica al Caltech di Pasadena. Una dei dieci migliori scienziati under 40 secondo la rivista “Popular Science” per le sue ricerche su delle speciali “lenti acustiche” utili per acquisire immagini con ultrasuoni ad alta risoluzione (ecografia), o in chirurgia. In un'intervista dichiara: "[Da bambina] volevo diventare archeologa-esploratrice, poi inventrice, poi giocatrice di pallacanestro, poi ingegnere Lego. Alla fine mi sento di essere diventata un po' la combinazione di tutti questi sogni."

Angela Pluchinotta, 33 anni di Pesaro, biologa specializzata in Ecologia ed Evoluzione. Ha contribuito alla ricerca con un dottorato in Biologia Evoluzionistica ed Ambientale a Ferrara e con un assegno di ricerca nel progetto di analisi di dati di monitoraggio biologico.

Educhiamo alle differenze

CopertinaConcorso

Donne di testa

Donne di Testa

Novità ODG Edizioni

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume raccoglie le biografie delle donne votate nel contesto del progetto social #leviedelledonnemarchigiane promosso dall’Osservatorio di Genere e accolto dal Consiglio delle donne del Comune di Macerata al fine di recuperare la memoria di donne del passato protagoniste della società marchigiana e ad oggi proposte come meritevoli di intitolazioni di vie e spazi pubblici delle città delle Marche.   

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

L'e-book Gates No Frontiers è uno degli output del progetto Walls and Integration: Images of Europe building Wai, presentato dal Comune di Macerata nell'ambito del  programma Europa per i cittadini, approvato dalla Commissione Europea e finanziato con un importo di 100.000 euro (cod. progetto 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

L'e-book così come tutte le altre attività di WAI sono state finanziate e rese possibili dal programma europeo Europa per i cittadini.

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

Gates No Frontiers is one of the outputs of Walls and Integration: Images of Europe building (WAI), a project, presented by the Municipality of Macerata (Comune di Macerata) of within the Europe for Citizens Program and approved by the European Commission. It gained funding for one hundred thousand Euros (project code 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

The e-book collects the materials, the pictures and the results of the research for the travelling exhibit, "Gates no frontiers"!

This e-book, realized for the WAI project, are freely downloadable from the WAI website!

Di piu'...

Come avere i volumi delle ODG Edizioni?

Per contatti e informazioni: 

info@osservatoriodigenere.com

+39 347 8967936 - +39 349 3726757

 

Diventa socio dell'Osservatorio di Genere e tesserandoti potrai sostenere l'associazione con un contributo che potrai versare con

- Bonifico intestato a:

  • Osservatorio di Genere Banca Prossima
  • IBAN: IT55 G033 5901 6001 0000 0017 941
  • BIC: BCITITMX

 

- Paypal: odg@osservatoriodigenere.com o attraverso il modulo presente nel riquadro qui in basso, se ci si connette da pc o notebook, o in fondo alla pagina, se ci si connette con smartphone o altro dispositivo mobile, cliccando sul pulsante giallo "donazione"

 

- Direttamente nella sede dell'Osservatorio di Genere

via dei Velini 221 Macerata

dal lunedì al venerdì: ore 9.00-13.30

lunedì: 14.30-18.00

 

- Durante gli eventi pubblici dell'OdG 

Sostieni l'Osservatorio

Sostieni le attività dell'Osservatorio di Genere. In pochi passaggi sarà possibile effettuare la tua donazione, il tuo contributo al crowfunding o il versamento della quota associativa in modo del tutto sicuro. Per tesserarsi, compilare il modulo presente nella sezione aposita del sito.

Newsletter

Notizie dalla rete

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.