Progetti

AS.Y.LUM

Il progetto "AS.Y.LUM promuovi una terra accogliente" promosso dal GUS Gruppo Umana Solidarietà è finanziato nell’ambito del programma Erasmus Plus – KA3 – Dialogo strutturato con i decisori politici 2016-1- IT03-KA347- 008335 e, in un clima di forte diffidenza verso i popoli che migrano, è nato con l'intenzione di promuovere una riflessione non stereotipata sulle dinamiche delle migrazioni che non possono e non devono essere contrastate costruendo muri e bloccando le frontiere.

 

 

Il progetto ha visto la partecipazione di circa trenta giovani, italiani e stranieri, che in questa occasione hanno l’opportunità di avviare un dibattito sui temi dell’inclusione sociale, del diritto d’asilo e del riconoscimento dei diritti di cittadinanza alle persone di origine straniera, in una società multiculturale come quella in cui viviamo. Nel momento conclusivo del progetto i partecipanti si sono espressi in un sondaggio on-line che a livello nazionale ha interrogato e simolato i giovani a riflettere sul diritto d’asilo.

 

Il progetto si è sviluppato in tre fasi, con specifiche attività ed eventi:

– Associate ‘nd Partecipate, parole chiave del primo evento focalizzano l’attenzione sull’importanza di aggregarsi, discutere, capire le differenze per poi partecipare attivamente alle politiche giovanili.

– You Decide, tocca ai giovani pronunciarsi su come vedono l’Italia ma più in generale l’Europa: dove sono i diritti e per chi? Cosa fanno realmente i territori per integrare? I migranti sono una risorsa?

– Load ur Mood, per riflettere su quanto emerso, elaborare dati, informazioni ed emozioni; per aprire un dialogo costruttivo con i decisori politici.

 

Claudia Santoni dell'Osservatorio di Genere ha partecipato a tutte le fasi del progetto in qualità di esperta. In particolare ha contribuito all'elaborazione del sondaggio on-line e ha realizzato il report finale studiando i dati e i risultati del sondaggio.

Silvia Casilio dell'Osservatorio di Genere ha poi partecipato alla due giorni finale di AS.Y.LUM presso la Sala Castiglioni della biblioteca Mozzi Borgetti di Macerata presentando il report intitolato "Integrarsi per Partecipare. Partecipare per Integrarsi". 

Rassegna stampa

 

 

èTvMarche | 5 settembre 2017

OrmeInForma | Orientamento al lavoro e inclusione sociale

Il progetto OrmeInForma ha avuto luogo tra settembre e dicembre 2016 a Fermo.

 

 

Nato da un'idea progettuale dell'Osservatorio di Genere è stato promosso dalla Consigliera di Parità per la Provincia di Fermo, Barbara Ermini, in collaborazione con l’Ambito Sociale XIX.

Essendo da sempre impegnato a proporre azioni di sostegno e di valorizzazione del ruolo delle donne nel mondo del lavoro, l'Osservatorio di Genere ha confezionato questo progetto che nasce dalla costatazione degli effetti negativi che la crisi economica ha avuto sul già difficile accesso femminile all'occupazione. La crisi infatti ha accentuato quelle difficoltà che potremmo definire storiche e che riguardano proprio le donne: inserimento, continuità lavorativa, conciliazione famiglia-lavoro.

Questo complicato rapporto creatosi tra offerta di lavoro e occupazione femminile richiede a nostro avviso l'utilizzo di strumenti nuovi e flessibili per leggere ed intervenire sulla qualità del lavoro femminile: valorizzazione della formazione posseduta, riconoscimento delle competenze professionali acquisite, ri-orientamento in fase di disoccupazione, riconoscimento dei diritti contrattuali, riposizionamento delle donne con elevati titoli di studio, accompagnamento in relazione alle problematiche del precariato e della conciliazione. 

OrmeInForma, prendendo spunto da due progetti analoghi, nonché omonimi, sperimentati dall'OdG prima a Tolentino nel 2011 e poi a Macerata nel 2012 e coordinati da Claudia Santoni, consiste in un percorso di orientamento e di formazione che si pone l'obiettivo di aiutare le donne a dare valore e concretezza alla loro identità personale e lavorativa, per spendere in modo positivo le esperienze acquisite nel mercato del lavoro. Lo strumento individuato per raggiungere le finalità progettuali è l'autobiografia narrativa che in modo efficace riesce a connettere esperienza personale e dimensione sociale.

OrmeInForma ha avuto la seguente struttura:

  • una fase di formazione consistente in tre incontri con donne in difficoltà occupazionale
  • una fase di restituzione alla collettività durante un evento finale.

Fondamentali per questo ultimo evento sono stati i prodotti realizzati da due giovani artiste, una fotografa, Giorgia Vlassich e una pittrice, Silvia Ridolfi, coinvolte come osservatrici-partecipanti durante lo svolgimento dell’intervento orientativo e formativo. A loro è stato chiesto nella fase di restituzione del progetto, con il supporto dell'Osservatorio di Genere, di dare conto in chiave artistica di quanto ascoltato e visto per trasmettere all'esterno il "senso" ed il "significato" dell'azione formativa (foto, illustrazioni).

OrmeInForma 2016 inoltre ha visto anche la sperimentazione del teatro dell'oppresso come tecnica di comunicazione e crescita grazie alla collaborazione con l'attrice Chiara Laurenzi.

La fase di restituzione ha potuto contare su due momenti diversi:

  • uno spazio espositivo presso l`esposizione fermana "Intanto" che ha messo in mostra le fotografie di Giorgia Vlassich, un dipinto di Silvia Ridolfi e le opere di due corsiste, Daniela Scriboni e Stefania Ciucani
  • un seminario finale (19 dicembre 2016) intitolato L'orientamento al lavoro e l'inclusione sociale. Una esperienza al femminile organizzato presso il Teatro Nuovo di Capodarco di Fermo dalla Consigliera di Parità Baraba Ermini e dall'Ambito sociale XIX. Durante il seminario Silvia Casilio e Claudia Santoni hanno riflettuto sui risultati del progetto e le corsiste coordinate dall'attrice Chiara Laurenzi hanno restituito in forma artistica il loro percorso professionale con una performance molto toccante.  

 

Foto di Giorgia Vlassich

 

Dove trovi i volumi ODG Edizioni

contentmap_module

Educhiamo alle differenze

CopertinaConcorso

Donne di testa

Donne di Testa

Novità ODG Edizioni

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume raccoglie le biografie delle donne votate nel contesto del progetto social #leviedelledonnemarchigiane promosso dall’Osservatorio di Genere e accolto dal Consiglio delle donne del Comune di Macerata al fine di recuperare la memoria di donne del passato protagoniste della società marchigiana e ad oggi proposte come meritevoli di intitolazioni di vie e spazi pubblici delle città delle Marche.   

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

L'e-book Gates No Frontiers è uno degli output del progetto Walls and Integration: Images of Europe building Wai, presentato dal Comune di Macerata nell'ambito del  programma Europa per i cittadini, approvato dalla Commissione Europea e finanziato con un importo di 100.000 euro (cod. progetto 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

L'e-book così come tutte le altre attività di WAI sono state finanziate e rese possibili dal programma europeo Europa per i cittadini.

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

Gates No Frontiers is one of the outputs of Walls and Integration: Images of Europe building (WAI), a project, presented by the Municipality of Macerata (Comune di Macerata) of within the Europe for Citizens Program and approved by the European Commission. It gained funding for one hundred thousand Euros (project code 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

The e-book collects the materials, the pictures and the results of the research for the travelling exhibit, "Gates no frontiers"!

This e-book, realized for the WAI project, are freely downloadable from the WAI website!

Di piu'...

Come avere i volumi delle ODG Edizioni?

Per contatti e informazioni: 

info@osservatoriodigenere.com

+39 347 8967936 - +39 349 3726757

 

Diventa socio dell'Osservatorio di Genere e tesserandoti potrai sostenere l'associazione con un contributo che potrai versare con

- Bonifico intestato a:

  • Osservatorio di Genere Banca Prossima
  • IBAN: IT55 G033 5901 6001 0000 0017 941
  • BIC: BCITITMX

 

- Paypal: odg@osservatoriodigenere.com o attraverso il modulo presente nel riquadro qui in basso, se ci si connette da pc o notebook, o in fondo alla pagina, se ci si connette con smartphone o altro dispositivo mobile, cliccando sul pulsante giallo "donazione"

 

- Direttamente nella sede dell'Osservatorio di Genere

via dei Velini 221 Macerata

dal lunedì al venerdì: ore 9.00-13.30

lunedì: 14.30-18.00

 

- Durante gli eventi pubblici dell'OdG 

Sostieni l'Osservatorio

Sostieni le attività dell'Osservatorio di Genere. In pochi passaggi sarà possibile effettuare la tua donazione, il tuo contributo al crowfunding o il versamento della quota associativa in modo del tutto sicuro. Per tesserarsi, compilare il modulo presente nella sezione aposita del sito.

Newsletter

Notizie dalla rete

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.