18 – 19 maggio 2013

Vediamoci ancora una volta a L’Aquila

Le donne TerreMutate chiamano

La bellezza salverà il mondo. Da quattro anni ci è stata sottratta ogni bellezza. Il centro storico. Le piazze e gli incontri occasionali. Il paesaggio urbano. Ci sono rimaste le montagne, che incorniciano la città, il loro respiro rinfresca le giornate afose e fa brillare il cielo nelle giornate fredde: spesso, però, non riusciamo neppure a guardarle, prese come siamo nella giostra di una vita quotidiana ormai alterata. Eppure vogliamo essere candide e disarmanti come lo “stupido” principe Myskin di Dostoevskij e ribadire con forza che solo la bellezza potrà salvare noi e la nostra città.

Ricostruire con occhi e cuore di donna. Molte promesse, pochi impegni concreti. La città è ancora invasa dalle rovine, le piazze e le vie desolate. Ancora soldati a presidiare (?!) la zona rossa. Il caos delle diciannove “newtowns”, con le loro C.A.S.E. già minate da infiltrazioni d’acqua, piccoli crolli e insicurezze; una rete stradale, poco sicura e molto trafficata, su cui si consuma la nostra vita quotidiana; i progetti che si affastellano senza che ne esca un’idea riconoscibile di città, una visione rinnovata de L’Aquila. La nostra Casa delle Donne è un progetto che contiene un sogno, ma anche una visione politica e sociale. È un luogo per costruire una nuova trama di relazioni nel cuore del centro storico, per le donne che lo vorranno abitare.

Rappresenta la bellezza che vogliamo ri-costruire per salvare il nostro mondo dal caos.

La bellezza è contagiosa. Rispetto a due anni fa, allo stato d’animo con cui abbiamo promosso l’incontro nazionale del 7 e 8 maggio, ci sentiamo ferite e a tratti avvilite per un congelamento della memoria e delle emozioni, che la città vuota ci restituisce ogni giorno. Alcune di noi non riescono ad attraversarla più, altre ci tornano regolarmente perché la memoria non si sbricioli del tutto.
Il passato sembra non passare mai, fissato in un momento doloroso che ancora risuona dentro di noi. In questi quattro anni, noi donne TerreMutate ci siamo tenute strette il nostro “gioiellino”, la Casa e le relazioni che questo progetto ci ha permesso di attivare, rinnovare, arricchire. Perché, come disse una volta Eleonor Roosvelt, “Il futuro appartiene a coloro che credono alla bellezza dei propri sogni”. Ventiquattro staffette, in altrettante città e luoghi d’Italia, ci hanno permesso di incontrarci con gruppi e singole donne che si sono spese per farci conoscere e farsi conoscere, per creare una rete dai nodi forti e ben interconnessi gli uni agli altri.
Abbiamo ricevuto accoglienza, cura, calore e sostegni economici per la nostra Casa.
A loro, e alle tante che all’Aquila non sono ancora venute rinnoviamo il nostro invito.


BEN VENGANO LE DONNE A MAGGIO
MANI-FESTIAMO. SIAMO TUTTE TERREMUTATE

*** Vi aspettiamo per condividere il progetto, per ragionare un sogno
*** Vi aspettiamo per parlare di corpi e territori violati
e per disegnare insieme nuovi spazi di vita
*** Vi aspettiamo per ritrovare il desiderio
e rinnovare la trama delle relazioni
*** Vi aspettiamo per vivere insieme un momento di gioia

Il Comitato Donne TerreMutate per la Casa delle Donne a L’Aquila

www.laquiladonne.com
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

IL PROGRAMMA DEL 18 E 19 MAGGIO 2013

Il cuore delle giornate del maggio 2013 saranno gli incontri nelle quattro “stanze”, tutte nel centro storico, in cui si discuterà di desiderio e di bellezza, di nuovi disegni di città, di territori e corpi violati, di presente e futuro delle Case delle donne.
*** Le abbiamo chiamate ancora una volta “stanze”, perché vogliamo che siano un preannuncio della ri-costruzione delle nostre case e della Casa delle donne dell’Aquila che vogliamo in centro storico. Il sindaco Massimo Cialente e l’assessora Stefania Pezzopane, in più occasioni pubbliche, hanno dichiarato che la sede provvisoria, individuata nell’ex scuola materna in Viale Duca degli Abruzzi, ci sarà assegnata a breve e che la sede definitiva sarà l’ex convento di Santa Teresa in via Roma. Luoghi che visiteremo insieme a voi.
*** E quest’anno ci sarà una quinta “stanza”, in piazza Duomo: è il Salotto-in-Piazza, dove vogliamo passeggiare e parlare, sederci e mangiare, ascoltare musica, visitare bancarelle di libri e oggetti belli, il cui acquisto servirà anche a finanziare il nostro progetto.
*** Lo studio delle architette di Camilla Inverardi ci aiuterà ancora una volta a visitare “L’Aquila com’è” e a vedere che non si tratta più solo di macerie ma di un intero centro storico in rovina.

LE QUATTRO STANZE

SALA DA PRANZO: Buone Pratiche per la Casa delle Donne: un luogo per aggregare le Case esistenti e quelle progettate, per percorrerne la storia e immaginarne il futuro.
STUDIO – BIBLIOTECA: Violenza di Genere: oltre la Rappresentazione, oltre la Riparazione: un luogo per superare il gran rumore mediatico sul femminicidio, riportando l’attenzione dentro ognuna di noi, per non nascondersi in una estraneità al fenomeno; e scovare gli spazi nascosti in cui la violenza si annida.
CUCINA: Nei Territori Violati, Protagoniste del Cambiamento: un luogo per riconoscere la presenza delle donne in tutti i luoghi in cui si difendono convivenza civile e ambiente; in cui si progettano nuovi modi di affrontare la crisi del modello patriarcale.
GIARDINO: Città del Desiderio, Spazi della Bellezza e della Cura: vogliamo riunire in questa stanza tutti i progetti, i sogni, le utopie (concrete e praticabili) che le donne sanno inventare per disegnare in modo nuovo il mondo che abitano.

LE DUE GIORNATE

Sabato 18 maggio
- ore 12-17: Visite guidate per il centro storico dell’Aquila
- ore 16-19: Incontri nelle “stanze”
- dalle ore 20: incontro collettivo in Piazza Duomo con cena e festa
Domenica 19 maggio
- ore 10 - 13: Incontri nelle “stanze”
(su prenotazione altre visite a L’Aquila)
- - ore 14: pranzo e incontro finale in piazza Duomo

PER PRENOTARSI NELLE STANZE Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PER INFORMAZIONI SU LOGISTICA VIAGGI E CAMBIAMENTI DI PROGRAMMA www.laquiladonne.com

Dove trovi i volumi ODG Edizioni

contentmap_module

Traguardi | La rubrica dell'OdG

Traguardi

Tesseramento OdG 2018

tesseramento2018Sito

Educhiamo alle differenze

Sulle vie della parita II ed. 2

Donne di testa

BannerDonne di Testa

Novità ODG Edizioni

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume raccoglie le biografie delle donne votate nel contesto del progetto social #leviedelledonnemarchigiane promosso dall’Osservatorio di Genere e accolto dal Consiglio delle donne del Comune di Macerata al fine di recuperare la memoria di donne del passato protagoniste della società marchigiana e ad oggi proposte come meritevoli di intitolazioni di vie e spazi pubblici delle città delle Marche.   

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume restituisce i risultati delle attività realizzate nell’ambito del progetto FAMI-450 La lingua per l’inclusione sociale e la cittadinanza. Percorsi di insegnamento e apprendimento dell’Italiano L2 per soggetti vulnerabili nelle province di Fermo e Ascoli Piceno

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

in uscita

Il volume raccoglie i contributi di 12 donne che hanno partecipato all'iniziativa social Donne di Testa lanciata dall'Osservatorio di Genere e accolta da CGIL, CISL e UIL, dalla Commissione per le Pari opportunità tra uomo e donna della Regione Marche e dal Consiglio delle donne di Macerata al fine di rimettere in circolo il sapere femminile in diversi ambiti con uno sguardo alle tematiche di genere.

 

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

L'e-book Gates No Frontiers è uno degli output del progetto Walls and Integration: Images of Europe building Wai, presentato dal Comune di Macerata nell'ambito del  programma Europa per i cittadini, approvato dalla Commissione Europea e finanziato con un importo di 100.000 euro (cod. progetto 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

L'e-book così come tutte le altre attività di WAI sono state finanziate e rese possibili dal programma europeo Europa per i cittadini.

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

Gates No Frontiers is one of the outputs of Walls and Integration: Images of Europe building (WAI), a project, presented by the Municipality of Macerata (Comune di Macerata) of within the Europe for Citizens Program and approved by the European Commission. It gained funding for one hundred thousand Euros (project code 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

The e-book collects the materials, the pictures and the results of the research for the travelling exhibit, "Gates no frontiers"!

This e-book, realized for the WAI project, are freely downloadable from the WAI website!

Di piu'...

Come avere i volumi delle ODG Edizioni?

Per contatti e informazioni: 

info@osservatoriodigenere.com

+39 347 8967936 - +39 349 3726757

 

Diventa socio dell'Osservatorio di Genere e tesserandoti potrai sostenere l'associazione con un contributo che potrai versare con

- Bonifico intestato a:

  • Osservatorio di Genere Banca Prossima
  • IBAN: IT55 G033 5901 6001 0000 0017 941
  • BIC: BCITITMX

 

- Paypal: odg@osservatoriodigenere.com o attraverso il modulo presente nel riquadro qui in basso, se ci si connette da pc o notebook, o in fondo alla pagina, se ci si connette con smartphone o altro dispositivo mobile, cliccando sul pulsante giallo "donazione"

 

- Direttamente nella sede dell'Osservatorio di Genere

via dei Velini 221 Macerata

dal lunedì al venerdì: ore 9.00-13.30

lunedì: 14.30-18.00

 

- Durante gli eventi pubblici dell'OdG 

Sostieni l'Osservatorio

Sostieni le attività dell'Osservatorio di Genere. In pochi passaggi sarà possibile effettuare la tua donazione, il tuo contributo al crowfunding o il versamento della quota associativa in modo del tutto sicuro. Per tesserarsi, compilare il modulo presente nella sezione aposita del sito.

Newsletter

Notizie dalla rete