Il 4 e il 9 gennaio 2016, a Grottammare prima e a Macerata poi, hanno preso il via gli incontri dell'Osservatorio di Genere: tanti appuntamenti che si susseguiranno fino a dicembre 2016 e che toccheranno molte delle tematiche care alla nostra associazione.

 

Ad inaugurare il calendario OdG 2016 è stata la presentazione di Spregiudicate, opera prima di Adriana Schepis, edita da Imprimatur.
Due presentazioni, una organizzata in collaborazione con l'associazione Blowup e patrocinata dal Comune di Grottammare e l'altra in collaborazione con la Bottega del Libro e patrocinata dal Comune di Macerata, molto partecipate durante le quali l'autrice ha potuto presentare il suo lavoro discutendone rispettivamente insieme alla sottoscritta, Silvia Casilio (Osservatorio di Genere), e a Michela Meschini (Università di Macerata).

 

Le Spregiudicate protagoniste del libro sono 11 donne che in epoche diverse fecero parlare di sé e riuscirono, ognuna a suo modo, a parlare e ad esprimere sé stesse e il proprio modo di vivere e di intendere la vita. Cleopatra, che fece innamorare di se due degli uomini più potenti del suo tempo, la cortigiana Veronica Franco, Ninon de L'Enclos con il suo salotto pieno di letterati e intellettuali, la scienziata e divulgatrice scientifica Émilie du Châtelet, Lady Emma Hamilton, la Contessa di Castiglione “la vulva d'oro del nostro Risorgimento” come la definì Urbano Rattazzi, la Bella Otero, l'attrice e cantante Lina Cavalieri, Wallis Simpson, duchessa di Windsor con simpatie filonaziste, l'enigmatica Marlene Dietrich, la tormenta Frida Kalo: queste le vite che si rincorrono in questo piccolo e prezioso libro scritto da Adriana Schepis con uno stile al tempo stesso delicato e spiritoso, ironico e attento.

 

Con il piglio tipico dello scrittore navigato, l'autrice si prende cura delle vite di queste donne con ricerche approfondite e con una scrittura, che Michela Meschini ha definito “matura e saggia”, le mette a disposizione del lettore. Il risultato che l'autrice ottiene è duplice: da una parte accende i riflettori su donne che vollero essere libere e occupare un posto nella storia, pagando per questo un prezzo altissimo, dall'altra incuriosisce il lettore, lo prende per mano, lo immerge nelle esistenze complesse, mai banali, assolutamente non scontate di queste donne e lo spinge a saperne di più, ad approfondire le loro storie e a ricostruire il contesto in cui le loro vite si dispiegarono, a volte si incrociarono e molto spesso si conclusero tragicamente.

 

Tutte le “spregiudicate” che affollano le pagine di questo volume affermarono, per dirla con le parole di Manuela Salvi, autrice di Nei panni di Zaf, il loro diritto all'imperfezione: le donne di cui Adriana Schepis ci parla furono donne complesse, che commisero molti errori, a volte tragici errori, ma che rifiutarono più o meno consapevolmente il ruolo di vittime, un ruolo che da sempre la società, le convenzioni, i pregiudizi, il senso comune cuciono addosso alle donne. Con le loro vite, tutte le “spregiudicate” contribuirono a decostruire lo stereotipo del maschio dominatore rivendicando il loro diritto ad essere protagoniste della propria vita, nel bene e nel male. Infatti, tutte, da Cleopatra a Frida, furono “spregiudicate” più che per il numero dei loro amanti, più che per le relazioni pericolose che riuscirono a gestire a volte in contemporanea volteggiando come acrobate da un letto all'altro, perché furono donne “libere”: i pregiudizi tipici delle epoche in cui vissero le sfiorarono ma non condizionarono il loro agire, le tradizioni e i tabù che le volevano timorose e timorate chiuse tra le mura domestiche non influenzarono le loro scelte anzi a volte se ne servirono per raggiungere i propri scopi senza curarsi del dolore che potevano provocare. Emblematico in questo senso l'atteggiamento “spregiudicato” che alcune di queste donne ebbero nei confronti della maternità: in molte di loro la nascita di un figlio non fu una scelta consapevole, in altre fu percepita come un evento limitante e castrante, in altre ancora si tradusse in un rifiuto netto per poter affermare se stesse e la propria individualità. Il figlio di Ninon de L'Enclos, cresciuto da quello che si pensava fosse il padre (pp. 31-32), si innamora follemente di sua madre e si suicida quando scopre che l'oggetto dei suoi desideri altri non è che la donna che lo ha partorito (p. 34). Giorgio, il figlio della contessa di Castiglione, è costretto a posare insieme alla madre, genitrice negligente e gelida, nei set fotografici che la contessa allestisce nella sua dimora (p. 64). Maria, la figlia di Marlene Dietrich, racconta di essere abituata alle sparizioni della madre e fa sorridere la sua gelosia nei confronti dei suoi amanti (p. 104). Atto rivoluzionario da una parte, quindi, ma anche doloroso sacrificio dall'altro, elementi questi che contribuiscono a rendere ancora più affascinanti queste donne anche quando suscitano sentimenti di sana antipatia come nel caso di Wallis Simpson, piccola arrampicatrice sociale che dalla provincia americana riesce quasi a diventare regina di Inghilterra.

 

Per chiudere questo breve resoconto, che sicuramente non restituisce in modo esaustivo i molti temi toccati durante le due presentazioni e gli stimoli che ne sono scaturiti, ci affidiamo alle parole che il padre di Ninon de L'Enclos le rivolge sul letto di morte: “Figlia mia sii scrupolosa non sul numero, ma sulla scelta dei piaceri” (p. 28): leggere questo piccolo ed intelligente libro di Adriana Schepis è un piacere ed è stato un piacere per l'Osservatorio di Genere iniziare il 2016 presentando un libro che parla di donne “libere” scritto da una donna intelligente, che "ama scrivere a matita, bere buon caffè e camminare".

 

Silvia Casilio

 

Ricordiamo che il prossimo appuntamento in calendario è il laboratorio di creatività per insegnanti e studenti  con Francesco Filippi (Studio Mistral) "Mani Rosse".

 

E' aperta la campagna di tesseramento 2016: sostieni l'OdG! Per info: http://www.osservatoriodigenere.com/contatti/tessaramento.html

 

Foto di Simona Muscolini

 

 

 

 

 

 

 

Dove trovi i volumi ODG Edizioni

contentmap_module

Traguardi | La rubrica dell'OdG

Traguardi

Tesseramento OdG 2018

tesseramento2018Sito

Educhiamo alle differenze

Sulle vie della parita II ed. 2

Donne di testa

BannerDonne di Testa

Novità ODG Edizioni

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume raccoglie le biografie delle donne votate nel contesto del progetto social #leviedelledonnemarchigiane promosso dall’Osservatorio di Genere e accolto dal Consiglio delle donne del Comune di Macerata al fine di recuperare la memoria di donne del passato protagoniste della società marchigiana e ad oggi proposte come meritevoli di intitolazioni di vie e spazi pubblici delle città delle Marche.   

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume restituisce i risultati delle attività realizzate nell’ambito del progetto FAMI-450 La lingua per l’inclusione sociale e la cittadinanza. Percorsi di insegnamento e apprendimento dell’Italiano L2 per soggetti vulnerabili nelle province di Fermo e Ascoli Piceno

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

in uscita

Il volume raccoglie i contributi di 12 donne che hanno partecipato all'iniziativa social Donne di Testa lanciata dall'Osservatorio di Genere e accolta da CGIL, CISL e UIL, dalla Commissione per le Pari opportunità tra uomo e donna della Regione Marche e dal Consiglio delle donne di Macerata al fine di rimettere in circolo il sapere femminile in diversi ambiti con uno sguardo alle tematiche di genere.

 

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

L'e-book Gates No Frontiers è uno degli output del progetto Walls and Integration: Images of Europe building Wai, presentato dal Comune di Macerata nell'ambito del  programma Europa per i cittadini, approvato dalla Commissione Europea e finanziato con un importo di 100.000 euro (cod. progetto 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

L'e-book così come tutte le altre attività di WAI sono state finanziate e rese possibili dal programma europeo Europa per i cittadini.

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

Gates No Frontiers is one of the outputs of Walls and Integration: Images of Europe building (WAI), a project, presented by the Municipality of Macerata (Comune di Macerata) of within the Europe for Citizens Program and approved by the European Commission. It gained funding for one hundred thousand Euros (project code 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

The e-book collects the materials, the pictures and the results of the research for the travelling exhibit, "Gates no frontiers"!

This e-book, realized for the WAI project, are freely downloadable from the WAI website!

Di piu'...

Come avere i volumi delle ODG Edizioni?

Per contatti e informazioni: 

info@osservatoriodigenere.com

+39 347 8967936 - +39 349 3726757

 

Diventa socio dell'Osservatorio di Genere e tesserandoti potrai sostenere l'associazione con un contributo che potrai versare con

- Bonifico intestato a:

  • Osservatorio di Genere Banca Prossima
  • IBAN: IT55 G033 5901 6001 0000 0017 941
  • BIC: BCITITMX

 

- Paypal: odg@osservatoriodigenere.com o attraverso il modulo presente nel riquadro qui in basso, se ci si connette da pc o notebook, o in fondo alla pagina, se ci si connette con smartphone o altro dispositivo mobile, cliccando sul pulsante giallo "donazione"

 

- Direttamente nella sede dell'Osservatorio di Genere

via dei Velini 221 Macerata

dal lunedì al venerdì: ore 9.00-13.30

lunedì: 14.30-18.00

 

- Durante gli eventi pubblici dell'OdG 

Sostieni l'Osservatorio

Sostieni le attività dell'Osservatorio di Genere. In pochi passaggi sarà possibile effettuare la tua donazione, il tuo contributo al crowfunding o il versamento della quota associativa in modo del tutto sicuro. Per tesserarsi, compilare il modulo presente nella sezione aposita del sito.

Newsletter

Notizie dalla rete