Il 5 luglio 2023 ci ha lasciatə Walkiria Terradura, partigiana, comandante della squadra "Settebello", V Brigata Garibaldi Pesaro, medaglia d'argento al Valor Militare. 

A lei è dedicata una voce biografica del nostro #leviedelledonnemarchigiane: non solo toponomastica (ODG Edizioni, 2017) scritta da Francesco Rocchetti, attualmente presidente dell'ANPI provinciale di Macerata. 

Quando #leviedelledonnemarchigiane uscì Walkiria Terradura e Egidia Coccia, partigiana ascolana, erano vive: a loro chiedemmo il permesso di inserire il racconto delle loro vite tra le voci biografiche del libro.

Entrambe dissero sì con entusiasmo.

A loro dedicammo uno spazio intitolato "Ragazze resistenti" nella convinzione che il racconto biografico sia dell'esperienza di Egidia Coccia sia di Walkiria Terradura potesse contribuire ad aggiungere ulteriori tasselli al lavoro di ricerca storica ancora tutto da fare sulla partecipazione attiva delle donne alla lotta di Liberazione.

Nel tempo molto è stato fatto: Riconoscersi partigiane e partigiani. Costruzione di un'appartenenza di Chiara Donati e Marco Biancucci (ODG Edizioni, 2022) ne è la dimostrazione ma noi continueremo a raccontare la storia di Walkiria Terradura, una storia di lotta, di impegno, di coraggio, una storia di resistenza e di libertà perché crediamo che da storie come questa si possa trarre ispirazione per costruire una società sempre più giusta e inclusiva.

E la storia che racconteremo farà pressapoco così:

Comandante partigiano del Gruppo Settebello, sottogruppo del Distaccamento Panichi del V Battaglione della V Brigata Garibaldi Pesaro. Medaglia d’argento al valor militare.

La formazione antifascista si deve alla famiglia e in particolare al padre Gustavo, attivo presso il foro di Perugia e arrestato diverse volte fino alla caduta del fascismo. Considerata sospetta fin dal liceo, più volte viene interrogata in questura per la diffusione di contenuti ascoltati da Radio Londra e le sue esternazioni contro la dittatura. Sotto l’occupazione tedesca, in una notte nevosa di gennaio, riesce a mettere in salvo il padre dalla cattura dell’Opera vigilanza repressione antifascismo (OVRA) facendolo nascondere nella soffitta dell’edificio in cui vivono, attaccato al palazzo dei Duchi di Urbino a Gubbio; scappa quindi in montagna insieme al padre e si unisce alla banda guidata dal comunista libertario di Cagli Samuele Panichi, da migrante attivo a ridosso della Prima guerra mondiale nelle rivolte dei minatori in Pennsyvania (Usa).

Sull’Appennino umbro-marchigiano, fra i monti del Burano, diviene capo di una banda di partigiani, detta il Settebello, composta da sei uomini che la nominarono loro guida dandole in dono «una pistola belga di medio calibro» piuttosto che dei fiori, perché ormai si era «fuori da queste regole di galateo, e del resto, in questa stagione è impossibile trovarne». La banda si distinse nel far saltare ponti (grazie anche alla presenza dell’ex militare e guastatore
Valentino Guerra) per contrastare i movimenti tedeschi e operò con azioni a Burano, Caibelli, Apecchio, Cagli, San Polo, Secchiano, Pianello, Scalocchio, Veia, San Fiordo, Palcano, Pietralunga, Umbertine, Assisi, Gubbio, Monte Subasio, Cantiano. Su di lei, che il compagno di lotta Ferriero Corbucci descrive nei propri ricordi «con un mitra stretto tra le mani» e «col berretto garibaldino sulla testa, da cui uscivano ciocche bionde e lunghe di capelli che il vento muoveva, allargava e sollevava come per gioco», pendevano otto mandati di arresto, ma non riuscirono a catturarla pur essendoci andati vicini più volte.

Fra le compagne d’armi nelle stesse zone di combattimento si segnalano Rosalussimburg (Rosina) Panichi, Lionella (Furia) Terradura, Iole di San Marino e la sorella di un partigiano di Mercatello di nome Rita, di appena 16 anni, «cui toccò in sorte un moschetto modello 91 che quando aveva la baionetta innestata era alto quanto lei».

Con il passaggio del fronte conobbe Alphonse Thiele, un capitano americano dell’Office Strategic Service, con cui si sposa e si trasferisce in America, dalla relazione nascono Serenella ed Erich. Posta sotto l’attenzione poliziesca del maccartismo, decide di tornare in Italia dove continua il suo attivismo politico nel Pci e soprattutto dell’ANPI di cui fa parte a lungo degli organismi di dirigenza nazionale. Ha scritto numerosi articoli sull’esperienza partigiana, arricchendo le fonti storiografiche con lo straordinario punto di vista di donna combattente.

Alla fine della guerra viene nominata sottotenente e, con decreto presidenziale del 26 giugno 1970, riceve la medaglia d’argento al valor militare per attività partigiana con la seguente motivazione: «Donna dotata di forte e generoso animo, entrava, malgrado la giovane età nelle formazioni partigiane della sua zona portandovi entusiasmo e fede. In lunghi mesi di lotta partecipava a numerose azioni contro il dotato avversario, mettendo in luce non comuni doti di coraggio e di iniziativa. Dopo essere riuscita con la squadra da lei comandata a fare saltare un ponte stradale, accortasi del sopraggiungere di un reparto avversario, incurante della grande sproporzione delle forze, attaccava con bombe a mano, di sorpresa, con un solo gregario l’avversario, infliggendogli dure perdite, ponendolo in fuga, recuperando altresì gli automezzi e le armi abbandonate. Valido esempio di determinazione, coraggio e alto spirito patriottico. Marche, 4 ottobre 1943-27 agosto 1944».

 

(a cura di Francesco Rocchetti, in S. Alessandrini Calisti, S. Casilio, N. Contigiani, L. Guerrieri, #leviedelledonnemarchigiane: non solo toponomastica, ODG Edizioni, Macerata, 2017, pp. 182-185)

 

    

Tesseramento OdG 2024

TESSERAMENTO 2023 Sito 1

Sulle vie della parità nelle Marche: online il bando della VII edizione

Slide Sito

NOI 2.0 Per un futuro consapevole

logo colore def 2

Dona il tuo 5x1000 all'OdG

5x1000_OdG.jpg

Insegni alla Scuola secondaria di I grado? Ecco la formazione che fa per te!

Cyberincluding Goes Europe

logo_definitivo_goes.jpg

Cyberincluding Goes Europe: Instructions for Use to Contrast Bullying and Cyberbullying

ClikHereLaw

Cyberincluding Goes Europe: we drafted a law to contrast cyberviolence

ClikHereLaw

RADart - Erasmus+

logo_72_Radart.png

Disponibile il ToolBox e "Embody the role" per prevenire e contrastare bullismo e cyberbullismo

Gioco Empowerbox 2

EmpowerBox - Collabora Partecipa Ispira

WhatsApp Image 2021-03-17 at 20.00.50 (1).jpeg

N.O.I. - Next Opportunity Involvement

logo-noi-png (1).png

Di sera | La rubrica letteraria dell'OdG

Copia di Traguardi.png

Traguardi | Approfondimenti e reportage

Traguardi

Novità ODG Edizioni

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume raccoglie le biografie delle donne votate nel contesto del progetto social #leviedelledonnemarchigiane promosso dall’Osservatorio di Genere e accolto dal Consiglio delle donne del Comune di Macerata al fine di recuperare la memoria di donne del passato protagoniste della società marchigiana e ad oggi proposte come meritevoli di intitolazioni di vie e spazi pubblici delle città delle Marche.   

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume restituisce i risultati delle attività realizzate nell’ambito del progetto FAMI-450 La lingua per l’inclusione sociale e la cittadinanza. Percorsi di insegnamento e apprendimento dell’Italiano L2 per soggetti vulnerabili nelle province di Fermo e Ascoli Piceno

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume raccoglie i contributi di 12 donne che hanno partecipato all'iniziativa social Donne di Testa lanciata dall'Osservatorio di Genere e accolta da CGIL, CISL e UIL, dalla Commissione per le Pari opportunità tra uomo e donna della Regione Marche e dal Consiglio delle donne di Macerata al fine di rimettere in circolo il sapere femminile in diversi ambiti con uno sguardo alle tematiche di genere.

 

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume di Chiara Donati e Marco Biancucci nasce dall’incontro della ricerca storiografica con la fotografia, della prospettiva nazionale con quella regionale, delle storie di vita di partigiani e partigiane più o meno note.

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume, curato da Luisa Gianfelici, raccoglie le opere d'arte realizzate da Aurora Carassai, Elena Borioni, Daniela Scriboni, Stefania Ciucani e la stessa Luisa Gianfelici nell'ambito del concorso didattico Sulle vie della parità nelle Marche dal 2018 ad oggi.

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

L'e-book Gates No Frontiers è uno degli output del progetto Walls and Integration: Images of Europe building Wai, presentato dal Comune di Macerata nell'ambito del  programma Europa per i cittadini, approvato dalla Commissione Europea e finanziato con un importo di 100.000 euro (cod. progetto 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

L'e-book così come tutte le altre attività di WAI sono state finanziate e rese possibili dal programma europeo Europa per i cittadini.

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

Gates No Frontiers is one of the outputs of Walls and Integration: Images of Europe building (WAI), a project, presented by the Municipality of Macerata (Comune di Macerata) of within the Europe for Citizens Program and approved by the European Commission. It gained funding for one hundred thousand Euros (project code 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

The e-book collects the materials, the pictures and the results of the research for the travelling exhibit, "Gates no frontiers"!

This e-book, realized for the WAI project, are freely downloadable from the WAI website!

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

Manuale per insegnanti ed educatori che raccoglie strategie e azioni per prevenire, mitigare e contrastare il bullismo e il cyberbullismo

 

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

Teorie e pratiche didattiche in contesto migratorio

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni
Prezzo: 5,00 €

Riflessioni e buone pratiche

Di piu'...

Come avere i volumi delle ODG Edizioni?

Per contatti e informazioni: 

educazione@osservatoriodigenere.com

Per concordare un appuntamento Tel. +39 351 893 0932

 

Diventa socio dell'Osservatorio di Genere e tesserandoti potrai sostenere l'associazione con un contributo che potrai versare con

- Bonifico intestato a:

Osservatorio di Genere 

IBAN: IT11 C030 6909 6061 0000 0017 941 

 

- Paypal: odg@osservatoriodigenere.com o attraverso il modulo presente nel riquadro qui in basso, se ci si connette da pc o notebook, o in fondo alla pagina, se ci si connette con smartphone o altro dispositivo mobile, cliccando sul pulsante giallo "donazione"

 

- Direttamente nella sede dell'Osservatorio di Genere

via Marche, 84 - Macerata

Tel. +39 351 893 0932

 

- Durante gli eventi pubblici dell'OdG 

Sostieni l'Osservatorio

Sostieni le attività dell'Osservatorio di Genere. In pochi passaggi sarà possibile effettuare la tua donazione, il tuo contributo al crowfunding o il versamento della quota associativa in modo del tutto sicuro. Per tesserarsi, compilare il modulo presente nella sezione aposita del sito.

Newsletter

Notizie dalla rete